Spunti operativi sul Ftse Mib, ottenere rendimento (anche con copertura) con volatilità ai minimi

Con volatilità su livelli molto bassi possono scattare dei primi campanelli di allarme circa una possibile espansione della volatilità stessa (e connesso storno/correzione del mercato azionario ) ed al contempo risulta sempre più difficile ricercare buone opportunità d'investimento. Abbiamo quindi selezionato delle opportunità che sembrerebbero essere interessanti, più o meno rischiose in base ai vari certificati selezionati.

di , pubblicato il
Con volatilità su livelli molto bassi possono scattare dei primi campanelli di allarme circa una possibile espansione della volatilità stessa (e connesso storno/correzione del mercato azionario ) ed al contempo risulta sempre più difficile ricercare buone opportunità d'investimento. Abbiamo quindi selezionato delle opportunità che sembrerebbero essere interessanti, più o meno rischiose in base ai vari certificati selezionati.

Con volatilità su livelli molto bassi (il Vix è fra circa i 12,5 e i 13 punti, non proprio ai minimi ma bassa, mentre quella sull’Eurostoxx 50 è ai minimi, intorno a 11,8 punti) possono scattare dei primi campanelli di allarme circa una possibile espansione della volatilità stessa (e connesso storno/correzione del mercato azionario ) ed al contempo risulta sempre più difficile ricercare buone opportunità d’investimento.

Per tale motivo, dopo aver brevemente illustrato la situazione grafico tecnica del principale indice italiano, andiamo a selezionare delle opportunità che sembrerebbero essere interessanti

Situazione tecnica

Questa è la situazione grafico-tecnica aggiornata al 23/01/2020, con gli importanti livelli di prezzo individuati (linee rosse continue), i livelli di barriera (linee tratteggiate) dei certificati selezionati e la relativa scadenza (linee nere continue). Alla quotazione attuale (intorno alle 14:35) il Ftse Mib risulta in rialzo dell’1,49% a 24.060 punti.

Restando su orizzonti temporali brevi (marzo, e giugno 2020), abbiamo selezionato delle opportunità che sembrerebbero essere interessanti.

Spunti operativi con certificati di societe generale

Prima di illustrarli è bene ricordare  gli stay up ed i corridor fanno parte della tipologia di certificati a leva, e rimborsano il valore unitario di 10 euro se durante tutto il periodo di osservazione non toccano mai la/le barriera/barriere; in caso contrario scadono immediatamente senza valore e per questo si collocano al massimo della scala di rischio.

Stay up LU2024213428

Questo certificato ha scadenza il 20/03/2020 e barriera a 21.000 punti (linea azzurra tratteggiata), ben protetta da un importante livello compreso nel range 21.360-21650 punti; dalle quotazioni attuali la barriera corrisponde ad una distanza del 12,7% circa. Essendo attualmente acquistabile a 9,95 euro il rendimento potenziale è dello 0,5% (3,3% annualizzato)

Stay up LU2024213691

Questo certificato ha scadenza il 19/06/2021 e barriera a 19.000 punti (linea arancione tratteggiata), protetta da un solido supporto a 20.000 punti che corrisponde al minimo toccato ad agosto 2019; dalle quotazioni attuali corrisponde ad una distanza del 21% circa. Essendo attualmente acquistabile a 9,58 euro il rendimento potenziale è del 4,2% (10,75% annualizzato)

Stay up LU2024213774

Questo certificato ha scadenza il 19/06/2020 e barriera a 20.000 punti (linea verde tratteggiata), ben protetta da un importante livello compreso nel range 21.360-21650 punti che corrisponde al minimo toccato ad agosto 2019; dalle quotazioni attuali corrisponde ad una distanza del 16,9% circa.

Essendo attualmente acquistabile a 9,16 euro il rendimento potenziale è dell’8,4% (22,17% annualizzato)

Corridor LU2024227642

Per i più amanti del rischio abbiamo selezionato un corridor con  scadenza il 20/03/2020 e barriera inferiore-superiore a 20.500-25.000 punti (linee blu tratteggiate). Essendo attualmente acquistabile a 7,67 euro il rendimento potenziale è del 23,3% (291% annualizzato)

Ciò che ci preoccupa non è tanto la barriera inferiore, distante circa il 14,8% dalle quotazioni attuali, quanto quella superiore distante solo il 3,9% circa. Ciò significa che se la proiezione temporale del trend al rialzo continuasse a verificarsi all’interno del canale individuato la barriera superiore potrebbe essere bucata (o comunque toccata anche rimanendo orientati sulla parte bassa del canale).

Per tale motivo si potrebbe mettere in piedi una strategia di copertura andando long sul future FIB oppure acquistando un certificato a leva variabile, come un turbo long o un mini future long sull’indice, che potrebbe recuperare le perdite almeno in parte.

 

Nota Bene: il trading può comportare rischi significativi per il capitale, con perdite che potrebbero in alcuni casi eccedere il capitale iniziale. È pertanto fondamentale assicurarsi di aver compreso tali rischi. Le informazioni presentate in questo sito non sono in alcun modo da intendersi come sollecito all’investimento e sono rivolte ad un pubblico indistinto, non rappresentando in alcun modo attività di consulenza finanziaria. Ogni decisione di investimento è sotto la piena ed esclusiva responsabilità del lettore. 

Argomenti:

I commenti sono chiusi.