Interessante Payoff potenziale con il phoenix memory di Leonteq su basket mix

Questo Phoenix Memory è interessante poiché permetterebbe, alle quotazioni attuali, di ottenere il rimborso del nominale più la cedola se a scadenza il sottostante rimanesse sugli attuali livelli, permettendo di ottenere un buon rendimento dato il prezzo a cui è possibile acquistare ora il certificato.

di , pubblicato il
Questo Phoenix Memory è interessante poiché permetterebbe, alle quotazioni attuali, di ottenere il rimborso del nominale più la cedola se a scadenza il sottostante rimanesse sugli attuali livelli, permettendo di ottenere un buon rendimento dato il prezzo a cui è possibile acquistare ora il certificato.

Questo Phoenix Memory è stato emesso il 06/03/2020 da Leonteq, ha data di valutazione finale/ scadenza al 27/02/2023  (rimborso al 06/03/2023), è negoziato su Euro TLX ed ha un valore nominale di 1000 euro

ISIN CH0524351498

Prevede i seguenti salienti:

  •  trigger cedole/ barriera europea sul capitale al 60% dei livelli iniziali
  • cedole trimestrali con effetto memoria del 2,05% (8,2% p.a.)
  • da maggio 2020 autocall trigger trimestrale al 100% dei livelli iniziali

I mercati sono aperti, e i sottostanti in movimento, sono:

  • Intesa Sanpaolo: livello iniziale (2,33 Euro), Barriera/trigger cedola (1,398 Euro), valore corrente (circa 1,58 Euro, pari al 67,81% del livello iniziale)
  • Generali Assicurazioni: livello iniziale (17,335 Euro), Barriera/trigger cedola (10,401 Euro),valore corrente (circa 12,18 Euro, pari al 70,26% del livello iniziale)
  • ENI: livello iniziale (11,976 Euro), Barriera/trigger cedola (7,1856 Euro), valore corrente (circa 8,62 Euro, pari al 71,98% del livello iniziale)

Allo scenario attuale il Worst Of (WO) è rappresentato da Intesa Sanpaolo, ma potrebbe cambiare dato che le performance rispetto ai valori iniziali sono più o meno le stesse. Se a scadenza il WO rimanesse Intesa Sanpaolo, questa è l’analisi di scenario fornita dal CedLab in base all’ultimo  prezzo lettera -sempre registrato dal Cedlab- di 650,69 euro. La quotazione di Intesa da cui parte il CedLab per l’analisi di scenario è leggermente diversa da quella attuale poiché siamo a mercati aperti, ma la situazione non cambierebbe più di tanto.

Il certificato fornisce un ottimo ritorno anche per chi abbia l’aspettativa che il WO, per ora Intesa, possa rimanere intorno alle quotazioni attuali, ottenendo il rimborso del valore nominale più la cedola; sanche se scendesse del 10% il certificato rimborserebbe l’importo nominale, producendo un rendimento del 56,83%; il certificato inizia a perdere qualora Intesa a scadenza abbia sperimentato un ribasso dal -20% in poi, producendo comunque, in %, perdite inferiori al sottostante.

Si ricorda inoltre che, alle quotazioni attuali, risulta ancora rispettata la condizione di pagamento delle cedole

Nota Bene: il trading può comportare rischi significativi per il capitale, con perdite che potrebbero in alcuni casi eccedere il capitale iniziale. Gli scenari di mercato cambiano continuamente e le performance passate non rappresentano garanzia delle peformance future. È pertanto fondamentale assicurarsi di aver compreso tali rischi. Le informazioni presentate in questo sito non sono in alcun modo da intendersi come sollecito all’investimento e sono rivolte ad un pubblico indistinto, non rappresentando in alcun modo attività di consulenza finanziaria. Ogni decisione di investimento è sotto la piena ed esclusiva responsabilità del lettore. Né l’autore né investire oggi saranno responsabili nei confronti di nessun utente né di qualsivoglia altra persona o entità per l’inesattezza delle informazioni o per qualsiasi errore od omissione nei suoi contenuti, a prescindere della causa di tale inesattezza, errore od omissione.

 

Argomenti: , , , ,

I commenti sono chiusi.