Fino al 10% annuo unito ad un payoff difensivo con il Phoenix Memory di UBS su basket mix

Questo prodotto paga cedole trimestrali del 2,5% e consente, se non si verifica il rimborso anticipato, il rimborso del nominale più l'ultima cedola nel caso in cui l'attuale WO scendesse al max del 40% dall'attuale quotazione.

di , pubblicato il

Questo Phoenix Memory è stato emesso il 07/04/2020 da SUBS, ha data di valutazione finale posta al 02/04/2025 (scadenza/liquidazione 09/04/2025), è negoziato su Euro TLX ed un valore nominale di 100 euro.

ISIN DE000UD5TNX4

Prevede i seguenti punti di forza:

  • Barriera sul capitale al 60% dei livelli iniziali
  • Trigger cedole al 60% dei livelli iniziali
  • cedole trimestrali del 2,5% con effetto memoria (max 10% p.a.)
  • Autocall trigger trimestrale dal 4° trimestre (dal 06/04/2021) e decrescente a step del 2,5% ogni 4 trimestri: 100% dal 4° al 7°, 97,5% dall’8° all’11°, 95% dal 12° al 15°, 92,5% dal 16° al 19°

I sottostanti, con il mercato in movimento, sono rappresentati da:

  • Colgate-Palmolive: livello iniziale (68,17 Usd), Barriera (40,902 Usd), ultimo prezzo registrato (prezzo di chiusura al 21/04/2020 a 70,61 Usd, pari al 103,58% del livello iniziale)
  • Unilever: livello iniziale (44,51 Eur), Barriera (26,706 Eur), ultimo prezzo registrato (circa 46,63 Eur, pari al 104,76% del livello iniziale)
  • Danone: livello iniziale (56,8 Eur), Barriera (34,08 Eur), ultimo prezzo registrato (circa 63,2 Eur, pari al 111,27% del livello iniziale)
  • Sanofi: livello iniziale (79,48 Eur), Barriera (47,688 Eur), ultimo prezzo registrato (circa 89,57 Eur, pari al 112,7% del livello iniziale)

Alle quotazioni più o meno attuali (se la situazione rimanesse simile ad ottobre avverrebbe il rimborso anticipato), con un prezzo lettera rilevato a circa 100,7 euro, questo sarebbe il profilo di payoff a scadenza (a parità di condizioni sugli altri sottostanti): se Colgate a scadenza del certificato fosse sceso al max del -40% dalle attuali quotazioni (ossia a circa 42,37 USD), il prodotto rimborserebbe il nominale più l’ultima cedola, ossia 102,5 euro, registrando un rendimento dell’1,79% rispetto l’acquisto a 100,7 euro. Se invece il WO scendesse con  più forza il certificato sperimenterebbe una perdita % leggermente inferiore a quella sperimentata su Colgate-Palmolive (se ad esempio il sottostante scendesse del 70% dalle attuali quotazioni, ossia da 70,61 a circa 21,183 euro, il certificato rimborserebbe 31,07 euro, con una perdita del 69,14% rispetto l’ipotetico acquisto a 100,7).

Per ora risulta ampiamente rispettata la condizione di pagamento delle cedole e, se alla prima data di autocall la situazione rimanesse simile, il prodotto scadrebbe anticipatamente rimborsando il nominale più la cedola (avendo ottenuto 4 cedole, che sommate al nominale sarebbero 110 euro, implicando un rendimento del 9,23% a 1 anno rispetto l’acquisto a 100,7 euro).

Nota Bene: il trading e l’attività d’investimento in generale possono comportare rischi significativi per il capitale, con perdite che potrebbero in alcuni casi eccedere il capitale iniziale. Gli scenari di mercato cambiano continuamente e le performance passate non rappresentano garanzia delle performance future. È pertanto fondamentale assicurarsi di aver compreso tali rischi. Le informazioni presentate in questo sito non sono in alcun modo da intendersi come sollecito all’investimento e sono rivolte ad un pubblico indistinto, non rappresentando in alcun modo attività di consulenza finanziaria personalizzata in base ai profili soggettivi di rischio e rendimento. Ogni decisione di investimento è sotto la piena ed esclusiva responsabilità del lettore. Né l’autore né investire oggi saranno responsabili nei confronti di nessun utente né di qualsivoglia altra persona o entità per l’inesattezza delle informazioni o per qualsiasi errore od omissione nei suoi contenuti, a prescindere della causa di tale inesattezze

 

Argomenti: , , , ,