Durante la pandemia da CoVid investi sui basket di aziende di beni a largo consumo ottenendo max l’8% annuo con il phoenix memory di Citigroup

Questo phoenix memory con ISIN XS1575027781 è negoziato su SeDex, ha scadenza a 5 anni e prevede: cedole trimestrali del 2%, trigger autocall costante e protezione condizionata del capitale a scadenza (se il Worst of non scende oltre il -33,61% dalle attuali quotazioni ed a parità di condizioni sugli altri).

di , pubblicato il

Citigroup in data 30 giugno 2020 ha emesso un certificato Memory Cash Collect (per maggiori informazioni sui phoenix memory leggi: Phoenix Memory su Snam di Societe Generale), con ISIN XS1575027781, con sottostanti la multinazionali Unilever, Nesltlé, Colgate-Palmolive e Procter & Gamble, aziende operanti nel settore della grande distribuzione/beni di largo consumo. La data di valutazione finale è posta al 30/05/2025 (liquidazione 08/07/2025), è negoziato su SeDex ed ha un valore nominale di 100 euro.

Link del prodotto

Punti di forza

  • Barriera sul capitale al 70% dei livelli iniziali
  • Trigger cedole al 75% dei livelli iniziali
  • cedole trimestrali condizionate del 2% (max 8% per anno) con effetto memoria (rilevate dal 30/09/2021)
  • Autocall trigger trimestrale pari al 100% osservabile dal 4° trimestre (dal 30/06/2021)
  • prezzo lettera di chiusura del 29/07/2020 rilevato sulla CedLab di Certificati&Derivati del sito a 1057,99 euro

A chi è rivolto

Questo tipo di certificato è adatto a chi desidera incassare premi condizionati ed al contempo avere “un cuscino di protezione” sul valore nominale del certificato (es 100 o 1000 euro, dollari ecc) qualora il valore del sottostante scenda moderatamente, alla data di valutazione finale, entro i limiti della barriera (Per maggiori informazioni vedi: La barriera nei certificati: cos’è? Quali tipi ne esistono?).

Questi prodotti sono quindi rivolti sia ad azionisti che vogliono proteggere l’investimento fatto da eventuali moderati ribassi (la barriera fornisce un margine di protezione) ma ottenendo al contempo dei premi dati dalle cedole, sia ad obbligazionisti che, dati i bassi tassi d’interesse, vogliono ottenere premi più importanti rispetto alle obbligazioni tradizionali.

Funzionamento

Meccanismo cedolare e di autocall

Ogni trimestre il certificato paga cedole del 2% calcolate sul valore nominale di 1000 euro (20 euro) se tutti i sottostanti si trovano al di sopra del rispettivo trigger cedola, posto al 75% dei livelli inziali; in caso contrario non viene corrisposta nessuna cedola, che però viene memorizzata e pagata assieme a tutte quelle precedentemente non pagate assieme alla cedola del trimestre in questione quando e se si presenta la condizione di pagamento.

Inoltre, dal 4° trimestre (30/06/2021) il certificato prevede il meccanismo di autocall che prevede due scenari:

  1. se il valore di tutti i sottostanti è pari o superiore al rispettivo livello iniziale il certificato scade anticipatamente pagando il nominale più la cedola del trimestre in questione e quelle eventualmente non pagate in precedenza.
  2. in caso contrario la vita del prodotto continua

Scadenza

A scadenza si prefigurano 2 scenari:

  • se il valore di tutti i sottostanti non scende sotto la barriera il certificato paga il nominale.
  • in caso contrario il certificate replica linearmente la performance del sottostante peggiore (ossia con valore più basso rispetto al valore iniziale), ricevendo un valore pari al valore nominale del certificato moltiplicato per la performance negativa del sottostante (con valore nominale 1000 euro e barriera al 70% il certificato rimborsa un valore inferiore a 700 euro).

Sottostanti

I sottostanti sono rappresentati da:

  • Unilever: livello iniziale (49,07 Eur), Barriera (34,349 Eur), trigger cedole (36,8025 Eur), ultimo prezzo registrato (prezzo di chiusura al 29/07/2020 a 51,74 Eur, pari al 105,44% del livello iniziale)
  • Nestlé: livello iniziale (104,9 CHF), Barriera (73,43 CHF), trigger cedole (78,675 CHF), ultimo prezzo registrato (prezzo di chiusura al 28/07/2020 a 110,68 CHF, pari al 105,51% del livello iniziale)
  • Colgate-Palmolive: livello iniziale (71,52 USD), Barriera (50,064 USD), trigger cedole (53,64 USD), ultimo prezzo registrato (prezzo di chiusura al 29/07/2020 a 76,2 USD, pari al 106,54% del livello iniziale)
  • Procter&Gamble: livello iniziale (115,23 USD), Barriera (80,661 USD), trigger cedole (86,4225 USD), ultimo prezzo registrato (prezzo di chiusura al 29/07/2020 a 128,31 USD, pari al 111,35% del livello iniziale)

In blu i livelli iniziale; in rosso le barriere

Come si può ben vedere i titoli hanno effettuato una straordinaria ripresa dopo il Covid (per maggiori informazioni sugli investimenti durante il Covid si legga anche: Investimenti e Coronavirus: come orientarsi in questo momento di panico? e Investimenti e Coronavirus: come stanno andando i settori chiave su cui rivolgere l’attenzione?) e la barriera è sotto i minimi proprio indotti da questa pandemia ancora in corso.

Analisi dinamico-oggettiva

Il worst of (letteralmente il peggiore, ossia su cui si basa l’analisi di scenario) per ora è Unilever ma la situazione è praticamente uguale su Nestlé. In base alle quotazioni attuali, ed ad un prezzo lettera (=di acquisto per l’investitore) di 1057,99 euro, questo sarebbe il payoff a scadenza (= la struttura di pagamento del contratto alla data di valutazione finale, data dal Val Rimb Cert, al variare del valore finale del sottostante, dato da Pr Sottost; rosso per decrementi/perdite %, verde per aumenti/guadagni %) ed a parità di condizioni sugli altri sottostanti:

ll certificato paga il nominale più l’ultima cedola condizionata, ottenendo 1020 euro se il worst of (WO) non scende oltre il -28,87% dall’attuale quotazione, corrispondenti ad una perdita % del -3,59% rispetto il suddetto prezzo lettera; se il WO non scende oltre il -33,61% il certificato rimborsa il capitale di 1000 euro, con una perdita del -5,799%. Se il WO scendesse con più forza il certificato perde  in % un importo uguale alla perdita di terreno del sottostante (il certificato quota sulla componente lineare. Per maggiori informazioni vedi: I certificates: quotazione a sconto o a premio sulla lineare. Una delle determinanti è la volatilità!).

Inoltre se alla prima data di autocall la situazione rimanesse simile si otterrebbero 1080 euro, con un rendimento del 2,08%.

Nota Bene: il trading e l’attività d’investimento in generale possono comportare rischi significativi per il capitale, con perdite che potrebbero in alcuni casi eccedere il capitale iniziale. Gli scenari di mercato cambiano continuamente e le performance passate non rappresentano garanzia delle performance future. È pertanto fondamentale assicurarsi di aver compreso tali rischi. Le informazioni presentate in questo sito non sono in alcun modo da intendersi come sollecito all’investimento e sono rivolte ad un pubblico indistinto, non rappresentando in alcun modo attività di consulenza finanziaria personalizzata -e nemmeno generica-  in base ai profili di rischio e rendimento degli investitori. Ogni decisione di investimento è sotto la piena ed esclusiva responsabilità del lettore. Né l’autore né investire oggi saranno responsabili nei confronti di nessun utente né di qualsivoglia altra persona o entità per l’inesattezza delle informazioni o per qualsiasi errore od omissione nei suoi contenuti, a prescindere della causa di tali inesattezze, errori od omissioni.

 

 

Argomenti: , , , ,