Dalla partenership fra SG e SIAT ecco 46 certificati Stay Up e Stay Down

Dalla collaborazione fra Societe Generale e SIAT, da cui è nato il "SG SIAT Certificates Radar", è stata creata l'emissione di certificati Stay Up e Stay Down a stampo Societe Generale. Scopriamo la nuova emissione.

di , pubblicato il
Dalla collaborazione fra Societe Generale e SIAT, da cui è nato il

Dalla collaborazione fra Societe Generale e SIAT è nato il “SG SIAT Certificates Radar“, un osservatorio periodico, con cadenza bimestrale, che raccoglie le previsioni dei soci SIAT sui trend in atto di diverse classi di asset, nonché atto ad analizzare statisticamente le resistenze ed i supporti futuri dei prezzi; una volta che tutti i soci partecipanti avranno votato, l’esito entrerà nel Radar di SocGen che a quel punto valuterà la possibilità di emettere un certificato a barriera strutturato su quelle indicazioni.

Ed ecco che dal primo sondaggio derivante da questa partenership è stata creata l’emissione di 46 certificati a stampo Societe Generale di tipo Stay Up/ Stay Down.

 

Caratteristiche

Funzionamento

Il funzionamento dei certificati Stay Up/ Stay Down è relativamente semplice, e possono essere considerati come un evoluzione dei certificati corridor, considerati prodotti da trading a leva variabile ma con la differenza che in tal caso è presente una sola barriera.

In pratica il prezzo oscilla in un range compreso fra 0 e 10 euro, e se durante la vita del certificato il prezzo non tocca mai la barriera inferiore, nel caso degli gli Stay Up, o la barriera superiore, nel caso degli Stay Down, a scadenza il certificato rimborsa il valore massimo di 10 euro. Nel caso in cui la barriera venga invece toccata il certificato scade senza valore. Si tratta quindi di prodotti caratterizzati da barriere americane (continue) intraday.

I fattori che influenzano il prezzo del certificato possono essere così sintetizzati:

  • il prezzo dell’asset sottostante (azione, indice, valuta o materia prima): più è vicino il prezzo dell’asset sottostante al livello della barriera, minore sarà il valore del certificato dato la percezione di un rischio più elevato
  • la volatilità dell’asset sottostante: più è elevato il range di variazione del prezzo dell’attività sottostante, maggiori saranno le probabilità di tocco della barriera, e quindi minore sarà la valorizzazione del certificato
  • il tempo: a parità di altre condizioni, minore è il tempo che manca alla scadenza del certificato, maggiori saranno le probabilità che durante la vita residua del prodotto il sottostante non toccherà la barriera.
Argomenti: , , , , ,

I commenti sono chiusi.