Cedole al 13,97% annuo e Payoff difensivo con il Phoenix Memory Airbag di Vontobel su basket mix

Questo certificato risulta molto interessante poiché paga ricche cedole annuali e, alle attuali quotazioni, grazie al meccanismo Airbag, in caso di scenario catastrofico (-50% o -70%) la perdita che si sperimenta sul certificato è nettamente inferiore a quella che si sperimenterebbe sul WO. Il prodotto fa al caso di chi ritenga che il WO, a scadenza, non scenda oltre il 40% dagli attuali prezzi.

di , pubblicato il
Questo certificato risulta molto interessante poiché paga ricche cedole annuali e, alle attuali quotazioni, grazie al meccanismo Airbag, in caso di scenario catastrofico (-50% o -70%) la perdita che si sperimenta sul certificato è nettamente inferiore a quella che si sperimenterebbe sul WO. Il prodotto fa al caso di chi ritenga che il WO, a scadenza, non scenda oltre il 40% dagli attuali prezzi.

Questo Phoenix Memory Airbag è stato emesso il 20/03/2020 da Vontobel, ha data di valutazione finale posta al 18/03/2022 (liquidazione 25/03/2022), è negoziato su SeDex ed un valore nominale di 100 euro.

ISIN DE000VE99JA6

Prevede i seguenti punti di forza:

  • Strike Level (che funge da barriera sul capitale e da livello preso a riferimento per il calcolo del rimborso al posto del valore iniziale)  e trigger cedole al 60% dei livelli iniziali
  • cedole annuali del 13,97% con effetto memoria 
  • Autocall trigger pari all’80%dei livelli iniziali (rilevata il 18/03/2021)

I sottostanti, con i mercati in movimento, sono:

  • Apple: livello iniziale (242,1 USD), Barriera (145,26 USD), ultimo prezzo registrato (244,93 USD, pari al 101,17% del livello iniziale)
  • Enel: livello iniziale (5,86 euro), Barriera (3,516 euro), ultimo prezzo registrato (circa 6,05 euro, pari al 103,24% del livello iniziale)
  • Eni: livello iniziale (6,64 euro), Barriera (3,945 euro), ultimo prezzo registrato (circa 9,57 euro, pari al 144,13% del livello iniziale)

La barriera del Worst Of,  per ora Apple, è posizionata su livelli che il titolo ha visto vicino ai minimi di gennaio 2019.

Con l’ultimo prezzo lettera rilevato dal CedLab a 105,7 euro questa è la situazione:

Anche se Apple scendesse del 30% dalle attuali quotazioni  il certificato rimborserebbe comunque il nominale più la cedola -ossia 113,97 euro-, ottenendo un rendimento del 7,82; lo stesso avverrebbe in caso di discesa del 40% a 146,958 USD. Se Apple scendesse con più forza, grazie all’effetto Airbag, la perdita % sperimentaya dal certificato è nettamente inferiore a quella sperimentata su Apple.

 

Nota Bene: il trading e l’attività d’investimento in generale possono comportare rischi significativi per il capitale, con perdite che potrebbero in alcuni casi eccedere il capitale iniziale. Gli scenari di mercato cambiano continuamente e le performance passate non rappresentano garanzia delle performance future. È pertanto fondamentale assicurarsi di aver compreso tali rischi. Le informazioni presentate in questo sito non sono in alcun modo da intendersi come sollecito all’investimento e sono rivolte ad un pubblico indistinto, non rappresentando in alcun modo attività di consulenza finanziaria personalizzata in base ai profili soggettivi di rischio e rendimento. Ogni decisione di investimento è sotto la piena ed esclusiva responsabilità del lettore. Né l’autore né investire oggi saranno responsabili nei confronti di nessun utente né di qualsivoglia altra persona o entità per l’inesattezza delle informazioni o per qualsiasi errore od omissione nei suoi contenuti, a prescindere della causa di tale inesattezze.

 

Argomenti: , , , , ,

I commenti sono chiusi.