Venerdì 1 Agosto 2014 , Ore 22:23
 
 

Il Portogallo torna a emettere titoli di stato a 10 anni

Dopo due anni di assenza, Lisbona riesce a collocare 3 miliardi di euro al 5,65%. Domanda coperta per tre volte dall’estero su un prestito sindacato, ma per gli analisti una rondine non fa primavera

images

Anche il disastrato Portogallo approfitta dei tassi bassi per rifinanziare le casse statali con nuovi titoli di Stato. Dopo il taglio dei tassi da parte della Bce, Lisbona ha infatti piazzato per la prima volta dall’estate del 2011, cioè da quando il Paese ha chiesto ufficialmente aiuti alla Troika (Ue, Fmi, Bce),  un titolo di stato decennale sindacato. Non un’emissione qualunque, ma effettuata congiuntamente a condizioni predeterminate con un unico contratto da più banche e quindi “pilotato” in fase di vendita mediante asta. Questo almeno in teoria, poiché poi, di fatto, il collocamento è andato a gonfie vele avendo totalizzato ordini alla chiusura dei book per oltre 9 miliardi di euro.

 

Bond Portogallo 5,65% 2024 in dettaglio

 

typ3Dopo aver testato in precedenza l’appetito degli investitori con un bond della durata di 5 anni emesso, sempre via sindacato, per una ammontare di 2,5 miliardi con richieste cinque volte superiori, il Portogallo è tornato prepotentemente in asta con un titolo decennale. La domanda è stata fortemente dominata dagli investitori esteri – ha detto una fonte Reuters – e il rendimento è stato fissato al 5,65% lordo a scadenza per un importo totale di 3 miliardi di euro. Da notare che l’ultima volta che il Portogallo aveva venduto titoli di stato a 10 anni risale al gennaio 2011, pagando un rendimento del 6,716%. Il nuovo titolo di stato a lungo termine (PTOTEQOE0015) offre quindi un tasso d’interesse migliore rispetto all’ultima volta e in linea con le attese degli operatori e con le quotazioni sul mercato secondario per un bond leggermente più corto con scadenza ottobre 2023, il cui rendimento è sceso a 5,50% (vedi grafico a lato). Negoziabile per importi minimi da 1.000 euro, il nuovo bond decennale della Repubblica del Portogallo paga una cedola fissa lorda del 5,65% il 15 Maggio di ogni anno fino al 2024 a fronte di un rating sul debito sovrano non investment grade classificato BB+ per Fitch, BB per Standard & Poor’s e Ba3 per Moody’s.

 

Crisi Portogallo: Lisbona taglia la spesa pubblica portoghese per 4,8 miliardi

 

portugal

“L’accoglienza del mercato verso i titoli decennali portoghesi è stato un successo – ha commentato il Ministro delle Finanze Victor Gaspar – e pone le basi per garantire ulteriori finanziamenti fino al 2014 nel tentativo di emergere dal piano di salvataggio offerto dalla Ue”. Come richiesto dalla Troika, il governo portoghese ha definito la scorsa settimana le misure di austerity per portare la “legge di stabilità” del 2013, vicina agli obiettivi imposti. L’esecutivo guidato dal conservatore Pedro Passos Coelho ha annunciato tagli alla spesa per 800 milioni di euro in tutti i servizi pubblici e altri 500 milioni di tagli in settori ancora da concretizzare. Un’anticipazione di quelli che saranno nel complesso tagli alla spesa pubblica per 4,8 miliardi di euro in tre anni. Una manovra lacrime e sangue per la piccola Repubblica portoghese che ha ottenuto in cambio dalla Commissione europea l’allungamento di sette anni delle scadenze dei presti concessi pari a 78 miliardi di euro. Ora il testo, che prevede fra le altre cose l’innalzamento a 66 anni dell’età pensionabile e la riduzione di 30 mila funzionari pubblici, dovrà essere approvato dal Parlamento, ma non è affatto scontato che il percorso legislativo sia semplice dopo tre anni di recessione per l’economia del paese. Intanto gli ispettori della Troika sono tornati in Portogallo per valutare se le ultime misure di austerità sono adeguate per lo sblocco della nuova tranche di fondi di salvataggio. (Il Portogallo taglia la spesa sanitaria per salvare le quattordicesime).

 

1 Commento
 

1 Commento

Per inviare un commento devi fare il login.