dossier titoli & plusvalenze

Discussione in 'Officina Legale - Tutela persona e patrimonio' iniziata da DinoP, 5 Gennaio 2010.

    5 Gennaio 2010
  1. DinoP

    DinoP life is good

    Registrato:
    5 Gennaio 2009
    Messaggi:
    1.419
    Località:
    trntno
    un saluto a tutti,

    ho un dossier
    titoli cointestato con mia moglie;
    gli acquisti sia di azioni che di obbligazioni sono sempre stati fatti e gestiti da me. recentemente vendendo delle obbligazioni per recuperare delle minus azionarie la banca mi ha candidamente comunicato che avevo diritto a recuperare solo metà minus, in quanto le azioni sono personali anche all'interno di un dossier, quindi mia moglie deve comunque pagare il c.gain, in quanto non aveva maturato minus su azioni.
    Premetto che il dossier è aperto antecedentemente all'entrata in vigore della tassa sul c.gain.

    Mi chiedo:


    la banca non doveva informarmi(ma sono certo che lo hanno scoperto solo ora) al momento del cambio delle regole in modo che potessi prendere adeguate contromisure? se non lo ha fatto posso addebitare delle responsabilità per la situazione creatasi?

    ringrazio chi ha dei commenti e suggerimenti in merito
    ciao
     
    Ultima modifica: 5 Gennaio 2010
  2. 7 Gennaio 2010
  3. bluck

    bluck Membro a 6 cilindri

    Registrato:
    14 Marzo 2002
    Messaggi:
    11.188

    non penso che l'abbian scoperto solo ora. Mi pare che invece tu non abbia scoperto ancora la differenza tra titoli nominativi e quelli al portatore.
    saluti
     
  4. 7 Gennaio 2010
  5. tashtego

    tashtego New Member

    Registrato:
    18 Gennaio 2006
    Messaggi:
    5.382
    Scoperta, peraltro, fatta dall'uomo appena dopo quella dell'acqua calda. :D:rolleyes: :D
     
  6. 7 Gennaio 2010
  7. bluck

    bluck Membro a 6 cilindri

    Registrato:
    14 Marzo 2002
    Messaggi:
    11.188
    addirittura pare che la differenza fosse già in essere ai tempi del primo capital gain, ovverosia prima di quello del 1997 (giusta la data vero?):up:
     
  8. 12 Gennaio 2010
  9. servizi.legali@libero.it

    servizi.legali@libero.it New Member

    Registrato:
    12 Gennaio 2010
    Messaggi:
    8
    Titoli

    Non è che il conto corrente è cointestato ed il conto titoli no?
    Primo intestario e secondo intestatario sono una formula diversa da cointestatario. Oppure alcuni titoli provenivano da una tua precedente intestazione esclusiva.

    L'addebito potrebbe starci come violazione degli obblighi di buona fede contrattuale ma francamente parliamo di una normativa in vigore da diversi anni...
     
    Ultima modifica: 12 Gennaio 2010
  10. 12 Gennaio 2010
  11. bluck

    bluck Membro a 6 cilindri

    Registrato:
    14 Marzo 2002
    Messaggi:
    11.188

    eh?

    1) che c'entra l'intestazione del conto?
    2) parlava di obbligazioni, notoriamente, dal mesozoico, titoli al portatore con applicazione del capital gain pro quota per ogni intestatario D.T.

    saluti
     
  12. 12 Gennaio 2010
  13. servizi.legali@libero.it

    servizi.legali@libero.it New Member

    Registrato:
    12 Gennaio 2010
    Messaggi:
    8
    eh?

    1) che c'entra l'intestazione del conto?
    2) parlava di obbligazioni, notoriamente, dal mesozoico, titoli al portatore con applicazione del capital gain pro quota per ogni intestatario D.T.

    saluti



    Ciao Bluck,
    ti confesso che non mi è molto chiaro.
    Parlando del caso specifico... il marito beneficia delle minus maturate dalla (s)vendita di azioni ma la moglie deve pagare il capital gain.
    Ora mi chiedo: se alla moglie vengono richieste le tasse forse vuol dire che le obbligazioni possono essere cointestate e le azioni no?

    Sapevo (vecchio ricordo di università semimesozoico) che dalla data di smaterializzazione delle azioni in Italia non esistono più titoli al portatore, cioè chi le ha in mano può incassarne il valore. Ma questo è un aspetto nozionistico poco utile al nostro amico.
     
  14. 12 Gennaio 2010
  15. servizi.legali@libero.it

    servizi.legali@libero.it New Member

    Registrato:
    12 Gennaio 2010
    Messaggi:
    8
    Ho fatto un piccolo studio perchè la questione mi interessa soprattutto dal punto di vista successorio.
    La questione che vi sottopongo è: le azioni possono essere cointestate?
    l'art. 2347 c.c. parla di indivisibilità dell'azione ma non di obbligo di proprietà esclusiva.
    In teoria, dunque, la comproprietà non è esclusa dalla legge.
    Mi sembra di capire però che le Banche non consentano però proprietà cointestate perchè questo genererebbe complicazioni varie.
    Inoltre in un regime di comunione tra coniugi, salvo prova contraria, dovrebbe operare la presunzione di legge per cui la proprietà dei beni mobili cade in comunione.
    Inoltre <Le plusvalenze e gli altri redditi diversi, cosi' come le minusvalenze
    e le perdite, derivanti da attivita' finanziarie che risultino intestate a
    piu' soggetti debbono essere attribuite pro quota secondo gli ordinari
    principi civilistici. Resta inteso che per le attivita' finanziarie la cui
    titolarita' e' ascrivibile ad un solo soggetto, ancorche' esse siano immesse
    in un dossier cointestato, le plusvalenze o minusvalenze derivanti dalle
    suddette attivita' non sono compensabili con quelle distintamente riferibili
    agli altri cointestatari>. Circolare 165/E 1998, cap 3.3.5
    Che ne pensate?
     
  16. 12 Gennaio 2010
  17. bluck

    bluck Membro a 6 cilindri

    Registrato:
    14 Marzo 2002
    Messaggi:
    11.188
    che si torna di nuovo all'inizio.

    Fino a che non si capisce la differenza tra titoli nominativi e titoli al portatore è inutile affrontare altre tematiche
     
  18. 12 Gennaio 2010
  19. servizi.legali@libero.it

    servizi.legali@libero.it New Member

    Registrato:
    12 Gennaio 2010
    Messaggi:
    8

Utenti che hanno già letto questo Thread (Totale: 0)

Condividi questa Pagina