Giovedì 23 Ottobre 2014 , Ore 4:26
 
 

Nuovo Isee 2013, in arrivo il decreto attuativo

Domani alla Conferenza Stato-regioni si discuterà del DPCM che riforma l'Isee, con l'obiettivo di colpire chi fruisce, senza averne diritto, di prestazioni di assistenza sociale

Nuovo Isee 2013 in arrivo con tante novità. Domani il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri sarà sul tavolo sulla tavola della Conferenza unificata Governo-regioni-enti locali per discutere e trovare un accordo sul riccometro, lo strumento che misurerà le ricchezze delle famiglie e condizionerà l’accesso alle prestazioni sociali. Una volta trovato l’accordo il testo della riforma Isee, l’indicatore della situazione economica equivalente delle famiglie italiane, sarà portato al vaglio del Parlamento per ricevere l’ok definitivo, si spera, entro l’anno.

 Riforma Isee 2013: iter travagliato

Dopo numerosi stop e rinvii continui, la riforma Isee sembra stia tornando sui binari della definitiva approvazione. E’ stato il Governo Monti a pensare ad una riforma del calcolo della situazione economica equivalente delle famiglie, strumento indispensabile per l’accesso a numerose prestazioni di assistenza sociale e sostegno al reddito, riveduto e corretto. (Si veda il nostro articolo Isee 2013, a breve l’accordo formale sul riccometro).

Occhio ai furbetti

L’obiettivo è stanare i furbetti e quindi coloro che accedono a prestazioni di assistenza sociale, fruiscono di sconti fiscali, pagamenti di mense scolastiche, borse di studio, assegni sociali, ecc non avendone in realtà diritto. 

Nuovo Isee 2013

La notizia che trapela in queste ore in merito al nuovo Isee 2013 riguarda l’inserimento di una sorta di autodenuncia del patrimonio mobiliare dei contribuenti che fungerà anche come valido strumento di lotta all’evasione fiscale. In pratica se il soggetto possiede beni di lusso, sarà automaticamente escluso dalla fruizione delle prestazioni sociali erogate tramite il calcolo Isee.  Un’arma in più per scovare gli evasori fiscali insomma. Si attendono notizie più certe.

 

1 Commento
 

1 Commento