Domenica 21 Dicembre 2014 , Ore 2:52
 
 

Imu per coniugi separati: separazioni fittizie per pagare meno tasse

La nuova tassa sulla casa porterà ad un aumento delle separazioni?

La legge impone per i coniugi il diritto di coabitazione. Esistono però delle eccezioni previste dalla normativa in materia: oltre al caso di separazione di diritto o divorzio, i coniugi possono avere residenze diverse per motivi contingenti che li costringono a vivere in due luoghi distinti. Si parla a tal proposito di separazione di fatto: una delle cause esimienti è il lavoro.

Per legge quindi non è del tutto esclusa la possibilità di due coniugi che sono proprietari di due immobili distinti, nei quali hanno anche la residenza. Questo comporta le agevolazioni per la prima casa: l’esenzione dell’Ici fino ad ora e il pagamento dell’IMU agevolata non appena entrerà in vigore (31 marzo 2012). Sul punto in realtà la Corte di Cassazione si è espressa in modo diverso: l’esenzione spetta solo per l’immobile che viene considerato nucleo familiare principale. In caso di figli esso coincide con l’abitazione dove questi risiedono, altrimenti si procede per presunzioni o si affida la scelta alle parti interessate.

Questa è la situazione di diritto ma di fatto i Comuni hanno spesso interpretato in maniera più elastica il dettame normativo conferendo l’esenzione ad entrambi gli immobili. La recente sentenza della Cassazione, complici anche le ristrettezze economiche che impongono un risanamento delle casse comunali, ha segnato una svolta interpretativa.

Due coniugi, non separati legalmente, possono avere un solo immobile adibito a prima casa, anche se per ragioni di lavoro o altro hanno residenze separate. Il chiarimento ha valenza retroattiva: gli Uffici dei Tributi del Comune possono richiedere gli arretrati non versati negli ultimi cinque anni.

La situazione si complica se, come spesso accade, i due immobili siano accatastati in comuni diversi (il che è del resto intuitivamente più logico nel caso di trasferimenti di lavoro): è chiaro infatti che ognuno dei comuni coinvolti farà valere le proprie ragioni per ottenere il gettito fiscale.

Per contrastare il fenomeno delle separazioni fittizie, create ad hoc per eludere gli obblighi fiscali, sono stati avviati accertamenti volti a quantificare caso per caso le proprietà tassabili e le rispettive quote.  

 

19 Commenti

19 Commenti