Mercoledì 30 Luglio 2014 , Ore 11:07
 
 

Detrazione spese funebri nel 730, ecco come indicarle

Quali sono e come indicare nel mod 730 2013 le detrazioni spese funebri sostenute dal contribuente per familiari anche non a carico e non conviventi

Detrazione spese funebri nel 730 2013. Guida alla compilazione

Come si indicano le spese funebri nel 730 per avere la detrazione Irpef da parte del contribuente. Continua la nostra  sulla compilazione del modello 730 2013 e ora è la volta delle detrazioni spese funebri.

 Detrazione spese funebri 730

 Il Quadro E del mod 730 contiene una serie di righi concernenti le spese e gli oneri che possono essere portati in detrazione dal contribuente. Tra questi ritroviamo il rigo E14 intitolato “Spese funebri”.

Innanzitutto si ricorda che la detrazione spese funebri spetta su un importo che non superi i 1.549,37 euro in relazione a ciascun decesso, a prescindere dal numero delle persone che sostengono l’onere. Ciò significa in sostanza che il limite massimo di spesa detraibile su cui calcolare la detrazione è sempre lo stesso anche se la spesa è sostenuta da più soggetti.

In ogni caso la detrazione spese funebri può comunque essere suddivisa tra le diverse persone che le hanno sostenute, anche se la ricevuta o fattura, quindi il documento contabile in cui si attesta la spesa sostenuta, sia intestata ad una sola persona. Per poter fruire in tal caso della detrazione Irpef in oggetto, su tale documento contabile va annotata una dichiarazione di ripartizione delle spese funebri sostenute, sottoscritta dall’unico soggetto a cui è intestato il documento.

Deducibilità spese funebri, i soggetti deceduti

Le detrazioni spese funebri sono fruibili dal contribuente in caso di decesso delle persone indicate all’articolo 433 del codice civile e di affidati o affiliati. In particolare essi sono:

• il coniuge; 
• i figli legittimi, legittimati, naturali, adottivi e, in loro mancanza, i discendenti prossimi, anche naturali; 
• i genitori e, in loro mancanza, gli ascendenti prossimi, anche naturali; 
• gli adottanti; 
• i fratelli e le sorelle; 
• i generi e le nuore; 
• il suocero e la suocera. 

Non è necessario che tali soggetti deceduti siano stati a carico o siano stati conviventi del contribuente che ha sostenuto le spese funebri.

 Quali sono le spese funebri?

 Un’altra domanda può sorgere quando si parla di deducibilità di tali spese, ossia quali sono le spese funebri. Non esiste una definizione precisa e univoca di spese funebri, ma si possono indicare tutte quelle spese concernenti l’erogazione di danaro a compenso di ogni operazione occorrente a portare la salma al cimitero e sistemarla. A titolo di esempio abbiamo le spese che sono riconducibili al funerale, come la ricevuta del versamento effettuato al comune per i diritti cimiteriali, la fattura dell’agenzia di pompe funebri, la spese per i fiori, gli annunci funebri,necrologi, ecc.

 Rigo E14, quadro E 730

Guardando alla compilazione del mod 730 2013, si fa riferimento al quadro E, in cui il rigo E14  è quello intitolato “ Spese funebri” e in cui vanno indicate proprio tali spese funebri.

 

0 Commenti
 

Commenti