Domenica 21 Dicembre 2014 , Ore 15:32
 
 

Detrazione 55%: come pagare i lavori per il risparmio energetico

Detrazione 55. Tutto sulle modalità di pagamento e sui documenti da conservare ed esibire a richiesta del Fisco

Lavori di risparmio energetico pagabili con bonifico, bancario o postale su cui operare la ritenuta al 4%

 Detrazione 55% per interventi di risparmio energetico. Come effettuare i pagamenti e quali documenti occorre conservare? Cerchiamo di rispondere a queste domande.

 Detrazione 55 per lavori di risparmio energetico

 Innanzitutto è bene ricordare che la detrazione 55%, l’agevolazione risparmio energetico, quindi il bonus riconosciuto a chi effettua interventi di risparmio energetico, è stata prorogata al 30 giugno 2013 dal decreto legge n. 83/2012, il decreto sviluppo 2012. Dal 1° luglio 2013 l’agevolazione sarà invece sostituita con la detrazione 36% prevista per le spese di ristrutturazioni edilizie che, dal 2012, non ha più scadenza e che fino al prossimo anno è innalzata a quota 50%.

Detrazione 55: come effettuare i pagamenti

Detto ciò pare opportuno soffermarci sulle modalità per effettuare i pagamenti dei lavori di risparmio energetico che godono della detrazione Irpef al 50%. Modalità di pagamento queste che variano a seconda che il soggetto che effettua i lavori, sia titolare o meno di reddito d’impresa. In particolare si prevede che i contribuenti non titolari di reddito di impresa devono effettuare il pagamento delle spese sostenute mediante bonifico, bancario o postale, mentre i contribuenti titolari di reddito di impresa sono invece esonerati dall’obbligo di pagamento mediante bonifico bancario o postale. In tal caso, la prova delle spese realizzate per cui si potrà godere della detrazione 55% può essere costituita da altra idonea documentazione.

 Pagamento con bonifico

 Si precisa che nel modello di versamento con bonifico bancario o postale vanno indicati precisi elementi come la causale del versamento, il codice fiscale del beneficiario della detrazione, nonché il numero di partita Iva o il codice fiscale del soggetto a favore del quale è effettuato il bonifico (ditta o professionista che ha effettuato i lavori). In merito al pagamento dei lavori per cui si gode della detrazione 55, effettuati con bonifico, si ricorda che dal 1° luglio 2010, le banche e le Poste Italiane Spa operano una ritenuta a titolo di acconto dell’imposta sul reddito dovuta dall’impresa che effettua i lavori. Con la manovra correttiva di luglio 2011, quella del governo Berlusconi, si è ridotta la misura di questa ritenuta dal 10 al 4% che ovviamente si applica solo quando il pagamento delle spese rientranti nell’agevolazione risparmio energetico sia effettuato con bonifico bancario o postale.

Detrazione 55: quali documenti vanno conservati

Da ultimo, si precisa che per poter fruire della detrazione risparmio energetico, occorre conservare alcuni documenti importanti che poi andranno esibiti all’Amministrazione finanziaria, ove ne faccia richiesta, in sede di controlli. Tra questi documenti che vanno conservati troviamo il certificato di asseverazione redatto da un tecnico abilitato, la ricevuta di invio tramite internet o la ricevuta della raccomandata postale all’Enea, le fatture o le ricevute fiscali comprovanti le spese effettivamente sostenute per la realizzazione degli interventi e, per i contribuenti non titolari di reddito d’impresa, la ricevuta del bonifico bancario o postale attraverso cui è stato effettuato il pagamento.

 

Sullo stesso argomento potrebbe interessarti:

Detrazione 55%: le novità con il decreto sviluppo 2012

 

0 Commenti

Commenti