Decreto semplificazioni 2012: misure pubblicate su Gazzetta Ufficiale

I principali articoli del decreto semplificazioni recentemente pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale

Roberto Franchini

E’ stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il cosiddetto decreto semplificazioni 2012  (D L 9 febbraio 2012 n 5). Qui di seguito si riporta una sintesi schematica delle novità introdotte.

 

CAMBIO di RESIDENZA (art. 5)

L’effettuazione del cambio di residenza (attraverso le dichiarazioni anagrafiche di cui all’art. 13, comma 1, lettere a), b) e c), del D.P.R. 30 maggio 1989, n. 223) potrà avvenire in tempo reale e con efficacia immediata.

DOCUMENTI di RICONOSCIMENTO (art. 7)

Tutti i documenti di riconoscimento scadranno il giorno del compleanno.

IMPIANTI TERMICI – DICHIARAZIONE UNICA di CONFORMITÀ (art. 9)

Viene introdotta la dichiarazione unica di conformità degli impianti termici in luogo delle attuali duplicazioni.

POSTO AUTO PERTINENZIALE (art. 10)

È possibile cedere il posto auto sempreché diventi pertinenza di un altro immobile sito nello stesso Comune. Sono esclusi i parcheggi realizzati in diritto di superficie su aree comunali o nel sottosuolo delle stesse (art. 9, comma 5, L. 24 marzo 1989, n. 122).

APPALTI(art. 20)

Ridotti gli oneri informativi per poter partecipare alle gare di appalto; in particolare, la documentazione relativa ai requisiti prescritti dal Codice degli appalti deve essere acquisita presso la Banca Dati Nazionale dei Contratti Pubblici, attraverso la quale le amministrazioni potranno consultare un fascicolo elettronico della documentazione di impresa (art. 6-bis, D.Lgs. 12 aprile 2006, n. 163; D.Lgs. 7 marzo 2005, n. 82).

APPALTI – RESPONSABILITÀ SOLIDALE (art. 21)

Viene introdotta la responsabilità solidale tra il committente e l’appaltatore (e l’eventuale subappaltatore) per i trattamenti retributivi dei lavoratori, per due anni dalla cessazione dell’appalto (art. 29, comma 2, D.Lgs. 10 settembre 2003, n. 276)

IMPIANTI NEGLI EDIFICI – ABILITAZIONI (ART. 34)

L’abilitazione delle imprese (di cui all’art. 3 del D.M. 22 gennaio 2008, n. 37) esercenti attività di installazione, ampliamento e manutenzione degli impianti negli edifici viene estesa a tutte le tipologie di edifici indipendentemente dalla destinazione d’uso.

SOCIETÀ – SINDACO UNICO (art. 35)

Il nuovo art. 2397, comma 3, del Codice civile prevede che nelle Spa, se lo statuto non dispone diversamente e se ricorrono le condizioni per la redazione del bilancio in forma abbreviata, le funzioni del collegio sindacale sono esercitate da un sindaco unico, scelto tra i revisori legali iscritti nell’apposito registro. L’assemblea deve nominare il collegio sindacale entro 30 giorni dall’approvazione del bilancio dal quale risulta che sono venute meno le condizioni per la redazione del bilancio in forma abbreviata. Scaduto il termine, provvede il Tribunale su richiesta di qualsiasi interessato. Anche nelle Srl l’atto costitutivo può prevedere un organo di controllo o revisore monocratico (art. 2477 del Codice civile).

IMPRESA ARTIGIANA – PRIVILEGIO DEI CREDITI (ART. 36)

L’art. 2751-bis, comma 1, n. 5), del Codice civile, in tema di privilegi generali sui beni mobili, viene coordinato con la definizione di impresa artigiana.

REGISTRO delle IMPRESE – PEC (art. 37)

Le società che non hanno ancora indicato il proprio indirizzo di posta elettronica certificata al Registro delle imprese, devono provvedervi entro il 30 giugno 2012.

ATTIVITÀ DI AUTORIPARATORI (ART. 39)

Soppresso il requisito di idoneità fisica per avviare l’esercizio dell’attività di autoriparazione (art. 7, comma 1, L. 5 febbraio 1992, n. 122).

IMPRESE DI PANIFICAZIONE (ART. 40)

Soppresso l’obbligo di chiusura domenicale e festiva per le imprese di panificazione di natura produttiva (art. 11, comma 13, L. 3 agosto 1999, n. 265).

ATTIVITÀ TEMPORANEA DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE (ART. 41)

L’attività temporanea di somministrazione di alimenti e bevande in occasione di sagre, fiere, manifestazioni religiose, tradizionali e culturali o eventi locali straordinari, può essere avviata tramite SCIA priva di dichiarazioni asseverate ai sensi dell’art. 19 della L. 7 agosto 1990, n. 241, e non è soggetta al possesso dei requisiti previsti dall’art. 71 del D.Lgs. 26 marzo 2010, n. 59.

 

1 COMMENTI
1 COMMENTI

Commenta l'articolo

*



SULLO STESSO TEMA
DAL RESTO DEL SITO