Mercoledì 30 Luglio 2014 , Ore 0:56
 
 

Assegno familiare 2013,tutto quello che c’è da sapere

Richiesta, importo, tabelle, modello. Tutte le informazioni utili in merito all'assegno per nucleo familiare erogato dall'Inps, una delle più utilizzate prestazioni a sostegno del reddito

Assegno familiare Inps 2013. Tutte le informazioni utili

Assegno nucleo familiare 2013. Richiesta, modulo, tabelle, importo e limiti di reddito per gli assegni familiari Inps. Tutto ciò che occorre sapere.

Assegno familiare Inps: di cosa si tratta

In primo luogo, occorre precisare che gli assegni familiari sono una prestazione a sostegno delle famiglie di alcune categorie di lavoratori, il cui nucleo familiare abbia un reddito complessivo al di sotto dei  limiti stabiliti annualmente dalla legge.

Assegni nucleo familiare: a chi spetta

In sostanza l’assegno nucleo familiare Inps spetta ai coltivatori diretti, coloni e mezzadri, ai piccoli coltivatori diretti, ai titolari delle pensioni a carico delle gestioni speciali dei lavoratori autonomi (artigiani, commercianti, coltivatori diretti, coloni e mezzadri). E’ un assegno Inps che spetta per ogni familiare a carico vivente. 

Familiari a carico: chi sono

Si considera vivente a carico il familiare che abbia redditi personali non superiori ad un determinato importo mensile stabilito dalla legge e rivalutato annualmente. I redditi dei familiari a carico sono quelli assoggettabili all’IRPEF, escludendovi i redditi esenti e quelli soggetti a ritenuta alla fonte a titolo d’imposta o ad imposta sostitutiva. In particolare si considerano familiari a carico per cui spetta l’assegno Inps in oggetto:

  • il coniuge, anche se legalmente separato purché sia a carico, solo se il richiedente è titolare di pensione a carico delle gestioni speciali dei lavoratori autonomi;
  • i figli o equiparati anche se non conviventi:
    - di età inferiore a 18 anni;
    - apprendisti o studenti di scuola media inferiore (fino a 21 anni);
    - universitari (fino a 26 anni e nel limite del corso legale di laurea);
    - inabili al lavoro (senza limiti di età);
    - gli ascendenti (genitori, nonni, ecc..) ed equiparati, solo se il richiedente è piccolo coltivatore diretto.
    - i familiari di cittadini stranieri residenti in Paesi con i quali esista una convenzione internazionale in materia di trattamenti di famiglia.

Limiti reddito assegno familiare

 I limiti reddituali per cui il soggetto può avanzare richiesta di assegno familiare sono pubblicati ogni anno dall’Inps, in una circolare. Il documento di quest’anno è la circolare n. 150 del 28 dicembre 2012. In applicazione delle vigenti norme per la perequazione automatica delle pensioni, si legge nella suddetta circolare, il trattamento minimo del Fondo pensioni lavoratori dipendenti, risulta fissato dal 1° gennaio 2013 e per l’intero anno nell’importo mensile di euro 495,43. In relazione a tale trattamento, i limiti di reddito mensili da considerare ai fini dell’accertamento del carico (non autosufficienza economica) e quindi del riconoscimento del diritto agli assegni familiari risultano così fissati per tutto l’anno 2013:

- euro 697,73 per il coniuge, per un genitore, per ciascun figlio od equiparato;

- euro 1221,03 per due genitori ed equiparati.

I nuovi limiti di reddito valgono anche, secondo le disposizioni già in vigore e a suo tempo rese note, in caso di richiesta di assegni familiari per fratelli, sorelle e nipoti (indice unitario di mantenimento).

 Importo assegno familiare

Per ciò che riguarda l’importo dell’assegno familiare Inps 2013, si legge nella stessa circolare che per i coltivatori diretti, coloni e mezzadri, l’importo mensile degli assegni familiari è pari a Euro 8,18 per ogni figlio ed equiparato, fratelli, sorelle e nipoti conviventi  Per i pensionati l’importo degli assegni familiari è di Euro 10,21 per ogni persona a carico.

In sostanza avremo per l’anno 2013, che gli importi delle prestazioni relative agli assegni familiari 2013, sono:

- euro 8,18 mensili spettanti ai coltivatori diretti, coloni, mezzadri per i figli ed equiparati;

- euro 10,21 mensili spettanti ai pensionati delle gestioni speciali per i lavoratori autonomi e ai piccoli coltivatori diretti per il coniuge e i figli ed equiparati;

- euro 1,21 mensili spettanti ai piccoli coltivatori diretti per i genitori ed equiparati;

Richiesta assegno nucleo familiare

Gli assegni familiari vengono pagati direttamente dall’Inps attraverso uno dei seguenti canali:

  • WEB – servizi telematici accessibili direttamente dal cittadino munito di PIN attraverso il portale dell’Istituto – servizio di “Invio OnLine di Domande di prestazioni a Sostegno del reddito”;
  • Patronati – attraverso i servizi telematici offerti dagli stessi; 
  • Contact – Center attraverso il numero verde 803.164.

 

Modulo assegno familiare

Si sottolinea inoltre che quando la domanda di assegno nucleo familiare viene presentata dopo l’insorgenza del diritto, gli arretrati spettanti vengono corrisposti nel limite massimo dei 5 anni precedenti (prescrizione quinquennale).

Di seguito potete trovare il modello assegno familiare di riferimento:

-  Modello assegno familiare

 

2 Commenti
 

2 Commenti