Lunedì 24 Novembre 2014 , Ore 21:16
 
 

Prestito su pegno di Unicredit: come funziona

In tempi di crisi la banca si trasforma in monte dei pegni: oro e beni preziosi a garanzia dei prestiti

In tempi di crisi sta prendendo piede il prestito su pegno anche tra le banche: Unicredit ha lanciato l’offerta  per chi concede in pegno beni preziosi a garanzia della somma ricevuta.

Si tratta di una forma di prestito molto veloce, che non richiede indagini patrimoniali o grandi formalità se non la previa stima del bene concesso in pegno. Sono molti i clienti in Italia che, in cambio di liquidità immediata, impegnano orologi, oro, argento o pietre preziose. Il valore del prestito è commisurato a quello del bene prezioso dato in pegno.

Come è intuitivo la differenza maggiore rispetto ai classici compro oro è che il bene non viene ceduto definitivamente ma semplicemente concesso in pegno. La banca quindi lo terrà in custodia in luogo sicuro fino a che il prestito non sia stato rimborsato. Si tratta quindi di una formula perfetta per chi ha bisogno di liquidità immediata e possiede un bene di valore che però, magari per ragioni affettive, non vuole vendere.

Agenzie di credito su pegno Unicredit: dove far valutare l’oro

Per maggiori informazioni è possibile consultare l’elenco delle Agenzie di credito su pegno sul sito Unicredit: a disposizione dei clienti c’è anche un team di gemmologi dei laboratori di Roma e Palermo (per l’emissione di referti di autenticità su pietre, perle e diamanti sia montati su gioielli che smontati).

Comprare oro all’asta: possibilità di investimento con Unicredit

I beni non riscattati vengono venduti all’asta: calendario e indirizzi delle aste indette da Unicredit sono disponibili sul sito web della Banca.

 

 

 

1 Commento

1 Commento

Per inviare un commento devi fare il login.


  • Sito Web