Sabato 1 Novembre 2014 , Ore 6:00
 
 

I fondi comuni di investimento.

Cosa sono i fondi comuni immobiliari e perché sempre più persone li scelgono come forma di investimento.

 

 

Fondi comuni…

Sempre più utenti cercano informazioni e consigli su questo tipo di investimento; vediamo di cosa si tratta.

I fondi comuni di investimento immobiliare sono degli strumenti finanziari che si occupano di raccogliere il denaro degli investitori. . Successivamente vengono poi spesi da un gestore ma, ed è qui la differenza principale, anziché investirli in azioni o obbligazioni, li utilizza per comprare immobili. La  particolarità di questi fondi comuni consiste nella loro capacità di trasformare gli investimenti immobiliari in strumenti di natura finanziaria e quindi conferire ai beni immobili la funzione tipica di ogni bene di investimento e cioè la produzione di un rendimento economico. I fondi comuni sono degli strumenti di facile utilizzo, e per questo sono alla portata anche di risparmiatori e di investitori non espertissimi del settore. Questo non significa che non si deve essere consigliati su quale sia il momento migliore o il fondo comune sul quale investire. In oltre chi sceglie questo tipo di investimento lo fa proprio perché può investire in immobili anche in zone e tipologie che altrimenti non avrebbe potuto prendere in considerazione operando da solo. Tra gli aspetti più interessanti di questa tipologia di investimento è il fatto di potere investire in mercati altrimenti inaccessibili al singolo. In oltre i fondi comuni garantiscono degli investimenti “diversificati” che porta ad un’ottimizzazione del rapporto rischio – rendimento.

 

 

In Italia…

Nel nostro paese l’introduzione a questa tipologia di strumento d’ investimento è avvenuta secondo un modello, e cioè quello del “fondo chiuso”, quindi il diritto al rimborso delle quote di partecipazione viene riconosciuto solamente a scadenze prefissate, e quindi significa che durante tutto il periodo di durata del fondo d’investimento il denaro investito può essere recuperato soltanto alienando la propria quota a terzi privati attraverso un mercato secondario.

Nell’ultimo periodo, anche legato all’ attuale crisi economica, i fondi comuni immobiliari hanno visto cresce il loro bacino di utenza, questo legato principalmente a varie ragioni: si propone come alternativa all’investimento immobiliare come singolo privato; come dicevamo permette  l’accesso a settori immobiliari più economicamente vantaggiosi; tiene conto dell’inflazione; sempre più trasparenza nella gestione del fondo comune; il rischio del proprio patrimonio investito limitato alla quota di partecipazione.

 

 

Rischio, rendimento e aspetto fiscale…

Un aspetto che non può essere tralasciato è quello relativo al rischio che comporta tale investimento. Ogni investimento ha il suo rischio senno non è un investimento.

Esistono varie società che si occupano di valutare e classificare i fondi comuni di investimento basati sul loro rendimento e di conseguenza dare una valutazione espressa in stelline. È sempre possibile confrontare diversi fondi comuni anche di tipologie differenti per valutarne il rendimento attraverso i grafici. Tra le società indipendenti mi permetto di citarne due, “Morningstar “ e “Standard&Poor’s”, nei rispettivi siti interne troverete tutte le informazioni che vi occorrono.

Come dicevamo il rischio dell’investimento in quote di un fondo comune immobiliare può consistere nel vedere decrescere il valore della propria quota, determinato dalle variazioni del valore dei beni. In oltre il deprezzamento o l’incremento del valore del patrimonio del fondo comune è essenzialmente legato all’andamento ed alla volatilità del mercato immobiliare. Un altro aspetto da tenere sott’occhio è la rendita dei beni immobili detenuti, sia direttamente o indirettamente, dal fondo comune immobiliare. In oltre va pertanto tenuto conto del fatto che l’investimento nel fondo comune non offre alcuna garanzia nè di rendimento, nè di restituzione del capitale investito comprando la quota.

Una volta acquistata la quota del fondo è possibile controllare l’andamento attraverso il valore del patrimonio detenuto dai fondi comuni immobiliari. Esso viene calcolato semestralmente da periti tecnici indipendenti attraverso la valutazione degli immobili posseduti dal fondo comune. E quindi avere la valutazione della propria quota; la descrizione dettagliata della composizione del patrimonio immobiliare dei fondi; avere il rendiconto delle modalità di gestione del fondo.

Per concludere, l’aspetto fiscale delle partecipazioni a fondi cumini viene regolato in Italia dal decreto legge del 25 settembre 2001 n. 351, che appunto disciplina il regime fiscale dei proventi derivanti dalla partecipazione ai fondi comuni immobiliari. Questa legge introduce a partire dal 2004 una tassazione pari al 12,50% che viene calcolata in capo ai singoli partecipanti alle quote.

 

 

Ricordo che per qualsiasi domanda o problematica sugli investimenti nel settore immobiliare, potete visitare il nostro forum alla sezione mercato immobiliare a questo link. http://www.investireoggi.it/forum/mercato-immobiliare-aste-giudiziarie-mutui-locazione-vf39.html

 

 

Massimo “messimo” Cedrato – Moderatore Forum, Sezione Mercato Immobiliare .

 

 

1 Commento

1 Commento

Per inviare un commento devi fare il login.