Giovedì 17 Aprile 2014 , Ore 12:30
 
 

La Spagna senza soldi in cassa ha rischiato il fallimento

Crisi Spagna: il ministro lancia l'allarme mentre il rendimento dei titoli di stato continua a crescere

Situazione sempre più drammatica in Spagna dove nonostante le misure di austerità varate dal governo per cercare di ridurre di oltre 60 mld di euro il deficit in 2 anni, target imposto dall’Europa in cambio degli aiuti al dissanguato settore bancario, l’assalto della speculazione non accenna a placarsi (Crisi Spagna: l’Europa salva le banche e affossa gli spagnoli).

A preoccupare gli spagnoli però non è solo la fuga degli investitori non residenti dal debito iberico (Investitori esteri in fuga dal debito italiano: Fmi lancia l’allarme) o al crescente e inarrestabile disoccupazione, ma soprattutto il terribile annuncio del ministro del bilancio spagnolo Cristobal Montoro che, dinanzi al parlamento, ha affermato che la Spagna non ha più un soldo in cassa per pagare i servizi pubblici. Montoro ha quindi rivolto un appello alla Bce a comprare i titoli spagnoli, come già avvenuto in passato, quando proprio gli acquisti della Bce hanno impedito al Paese  iberico di andare a picco. Durante il suo discorso Montoro si è anche rivolto agli stessi dipendenti statali e pubblici, ai quali è stata abolita la tredicesima, affermando che essi sono perfettamente consapevoli del rischio che lo stato iberico sta correndo. Il ministro ha però affermato che l’aumento dell’Iva serve proprio a impedire che la Spagna non sia più in grado di pagare la sua amministrazione.

 

Fallimento Spagna: effetto domino inarrestabile nell’Eurozona

Le parole di Montoro, nella loro drammaticità, non ci sembrano poi tanto diverse dalle parole analoghe utilizzate dai rappresentanti di governo di Grecia, Irlanda e Portogallo, i paesi che prima di Madrid sono stati travolti dalla crisi del debito. Un ulteriore segno di come l’effetto domino sui periferici non sia affatto una teoria da cospirazionisti.

Intanto sul fronte obbligazionario il rendimento dei titoli di stato spagnoli a 10 anni è volato a oltre il 7% a seguito dell’asta del Tesoro iberico (si veda: Tesoro Spagna: collocati 2,98 mld di euro complessivi). Il tasso sul bonos decennale è salito infatti al 7,02%, un livello davvero preoccupante e insostenibile.

 

 

3 Commenti
 
 

3 Commenti

Per inviare un commento devi fare il login.