Sabato 25 Ottobre 2014 , Ore 23:32
 
 

La Germania deve contare di più in Europa, dice la maggioranza tedesca

La Germania vuole aumentare il suo peso all'interno dell'unione europea e per far questo deve relegare Draghi all'interno di un ruolo secondario.

La maggioranza tedesca di Angela Merkel punta ad aumentare il  peso della Germania all’interno dell’Unione Europea e della stessa Bce.

Insofferenti ormai del fatto che Mario Draghi abbia annunciato di voler aiutare i Paesi in difficoltà acquistando i loro bond, se verrà formalizzata la richiesta dell’attivazione del fondo salva stati, i tedeschi vedono allargarsi i consensi politici attorno a Draghi e la cosa non va affatto bene.

Herbert Reul, presidente dei parlamentari europei Cdu-Csu scopre le carte e dice “La nuova situazione, con la Germania che si assume una parte crescente nel salvataggio dell’euro, ma ha solo un voto come tutti gli altri Paesi, non va più bene” quindi l’obbiettivo è quello di rafforzare il potere della Germania all’interno dell’Euro Tower e dell’intera Unione Europea.

Quello ai tedeschi proprio non va giù è che la Bundesbank è la prima azionista  con quasi il 19% della Bce, mentre la Banca di Malta partecipa con lo 0,06%, ma il sede di voto Malta e la Germania hanno lo stesso peso, una testa, un voto.

Ed è proprio su questo che si battono i tedeschi, visto che l’ultima richiesta di aiuto viene da Cipro, “È inammissibile che Cipro conti come la Germania”, peccato che per far contare la Germania più di Cipro bisognerebbe mettere mano al Trattato di Maastricht e lo statuto dell’Eurotower,  quello stesso statuto a cui la Germania si sta aggrappando con le unghie e con i denti per far si che la Bce ricordi che il suo unico compito sia quello di mantenere la stabilità dei prezzi.

 

0 Commenti
 

Commenti

Per inviare un commento devi fare il login.