Lunedì 22 Settembre 2014 , Ore 12:12
 
 

Il Primo Vero Salvataggio Greco: l’Elettricità

In Grecia il governo ha la fantastica idea di riscuotere la patrimoniale tramite le bollette della luce, così molti rimangono al buio, e il governo è costretto a salvare la società elettrica dal fallimento

Zero Hedge-  Dopo i salvataggi UE dell’ultimo anno o due, sembra che ora, mentre le cose vanno di male in peggio, i Greci abbiano creato il loro primo piano di salvataggio ‘interno’. Come riporta Athens News, la Grecia fornirà 250 milioni di euro di fondi di emergenza ai suoi fornitori di energia elettrica in difficoltà, per evitare una crisi energetica in stile Californiano. Questa iniezione di liquidità per le utilities energetiche del paese è stata ancora un’altra conseguenza non voluta dell’azione del governo. Un numero crescente di consumatori ha smesso di pagare le bollette dell’elettricità in seguito all’imposizione da parte della troika del governo Greco di 7 miliardi di euro di imposta sul patrimonio, da riscuotere attraverso i fornitori di energia elettrica. La principale compagnia elettrica PPC ha registrato un ammanco di liquidità in seguito all’aumento dei mancati pagamenti, e mentre le autorità di regolamentazione sostenevano la necessità di almeno di 350 milioni di euro per rimanere a galla, il governo ha accettato di consentire alla PPC di trattenere i 250 milioni di euro della tassa sulla proprietà riscossa per conto dello Stato fino al 30 giugno – data in cui, si spera, la compagnia sarà riuscita a garantirsi altri prestiti. Un passaggio abbastanza incredibile – imporre al fornitore di energia elettrica di riscuotere le tasse sulla proprietà - e visto che questo tentativo è chiaramente fallito, abbiamo il sospetto che la prossima mossa sarà il razionamento di cibo e acqua in mancanza di prove del pagamento dell’imposta:

 

Athens News – La Grecia stanzia fondi di emergenza per scongiurare la crisi energetica

I funzionari del governo hanno dichiarato che la Grecia fornirà fondi di emergenza per 250 milioni di euro al servizio di fornitura di energia elettrica in difficoltà, per evitare una crisi energetica in stile californiano,.

L’iniezione di liquidità vuole scongiurare il rischio di una reazione a catena di tipo finanziario che, secondo le autorità di regolamentazione, minacciava di mettere in ginocchio il sistema elettrico del paese.

L’aiuto temporaneo sosterrà i conti di PPC, il principale servizio di fornitura elettrica, consentendogli di mantenere l’operatività e di rimborsare gli altri fornitori di energia elettrica e gas naturale da cui dipende il funzionamento del sistema energetico del Paese.

Il mercato dell’energia Greco è nel caos a causa della combinazione di una domanda stagnante, di costi crescenti del carburante, e della decisione del governo di utilizzare la PPC come veicolo di riscossione delle imposte.

Un numero crescente di consumatori ha smesso di pagare le bollette di energia elettrica dopo che il governo l’anno scorso ha iniziato a riscuotere attraverso le bollette una tassa sulla proprietà da 1,7 miliardi di euro, in un disperato tentativo di raggiungere i suoi obiettivi di bilancio nel quadro del salvataggio UE/FMI.

I mancati pagamenti hanno aperto una voragine nei conti della PPC, che è il più grande produttore di energia della Grecia, e distributore esclusivo di elettricità. PPC, che ha registrato una perdita record nel quarto trimestre, è anche il cliente più importante dei nuovi produttori che generano circa il 23 per cento dell’elettricità della Grecia.

La crisi di liquidità ha scatenato i timori di una crisi energetica come quella del 2001 in California, che ha dovuto subire dei grandi blackout dopo che il suo mercato energetico è crollato.

In un articolo pubblicato all’inizio di questa settimana, l’autorità per l’energia elettrica Greca RAE ha dichiarato che per rimanere a galla il sistema aveva bisogno di una iniezione immediata di liquidità di almeno 350 milioni di euro.

Il governo ha ascoltato in parte la richiesta, consentendo alla PPC di trattenere fino al 30 giugno circa 250 milioni di euro di tassa sulla proprietà riscossa per conto dello Stato.

I funzionari hanno dichiarato che si tratta di una soluzione temporanea, fino a che la situazione di cassa della società migliorerà, alla fine di quest’anno. PPC la settimana scorsa ha negoziato le condizioni per un prestito bancario di 960 milioni di euro per far fronte alla crisi di liquidità e ha dilazionato il debito in scadenza a fine anno di 1,12 miliardi di euro.

L’energia è un punto dolente nelle relazioni del paese con i suoi finanziatori. L’UE e il FMI hanno fatto pressioni su Atene per introdurre una maggiore concorrenza nel proprio mercato dell’energia eletrica, liberalizzare i prezzi e abolire il monopolio della PPC rsul carbone, la fonte energetica più economica e più abbondante del paese. (Reuters)

 

Articolo originale: First Real Greek Bailout: Electricity

 

 

1 Commento
 

1 Commento

Per inviare un commento devi fare il login.

  • # 1
    Di questo articolo si parla in : Grecia: Il calvario continua e ...peggiora!