Sabato 20 Dicembre 2014 , Ore 3:39
 
 

Concorso scuola 2012 e abilitazione: ecco cosa dice il decreto

Il decreto interministeriale 460/98 parla chiaramente dell'abilitazione e delle possibilità di partecipare alle classi di concorso.

Il prossimo lunedì, 24 settembre, finalmente sarà reso pubblico sulla Gazzetta Ufficiale, il bando per partecipare al concorso per l’assegnazione delle 11892 cattedre.

La pubblicazione del bando porrà fine ai rumors e alle voci di corridoio che nelle ultime settimane hanno imperversato sul web facendo altalenare gli umori dei possibili candidati al concorso (Concorso scuola 2012: come sarà la prima prova.Prime indiscrezioni).

Infatti si è continuato a parlare della prova di preselezione (Concorso scuola 2012: novità sulla prova preselettiva), dei quesiti, delle varie aree tematiche dei test, ma l’argomento sicuramente più spinoso che ruota attorno al concorso della scuola è quello dell’abilitazione.

La domanda che tutti si pongono continua ad essere solo e soltanto una: chi può partecipare al concorso?

Chi sarà riconosciuto abilitato, colui che ha superato un concorso o colui che risponde ai requisiti del decreto interministeriale 460 del 1998?

I dubbi che aleggiano attorno a questa questione sono tanti, intanto per chiarirci le idee al riguardo riportiamo integralmente gli articoli del decreto interministeriale in questione che sono di interesse nella vicenda del concorso per la scuola.

 

Decreto interministeriale 460/98

art. 5 “Per i candidati di cui agli articoli 2 e 4, ammessi a partecipare ai concorsi senza il possesso del titolo di abilitazione, la vincita del concorso e la conseguente nomina a tempo indeterminato conferiscono anche il titolo di abilitazione all’insegnamento”

art. 2 “Possono partecipare ai concorsi a cattedre di cui all’art. 1, anche in mancanza di abilitazione, coloro che alla data dell’entrata in vigore del presente decreto siano già in possesso di un titolo di laurea, ovvero di un titolo di diploma conseguito presso le accademie di belle arti e gli istituti superiori per le industrie artistiche, i conservatori e gli istituti musicali pareggiati, gli ISEF, che alla data stessa consentano l’ammissione al concorso.Possono altresì partecipare ai concorsi di cui all’art. 1 coloro che conseguano la laurea entro gli anni accademici 2001-2002, 2002-2003 e 2003-2004 se si tratta di corso di studi di durata rispettivamente quadriennale, quinquennale ed esaennale e coloro che conseguano i diplomi indicati nel comma 1 entro l’anno in cui si conclude il periodo prescritto dal relativo piano di studi a decorrere dall’anno accademico 1998-1999.”

art. 4 “Fino a quando in una classe di concorso non vi sarà una sufficiente disponibilità di abilitati per un adeguato reclutamento, è ammessa la partecipazione al relativo concorso di candidati anche non abilitati. A tal fine se il numero di domande presentate per una classe di concorso a cattedre, per titoli ed esami, risulti inferiore al triplo rispetto alla previsione dei posti da conferire alle nomine nel periodo di vigenza delle graduatorie del concorso, i termini per la presentazione delle domande vengono riaperti ammettendo al concorso stesso anche gli aspiranti privi di abilitazione, purché in possesso di una laurea che consenta l’accesso all’abilitazione corrispondente.”

 

11 Commenti
 

11 Commenti





  • # 7

  • Sito Web